Trovato morto il regista di un film che denuncia il Nuovo Ordine Mondiale!

Nuovo Ordine Mondiale: un episodio sconcertante

Per chi non lo sapesse, il NWO è un sistema complesso e molto segreto. Il Nuovo Ordine Mondiale è composto da banchieri, filosofi, componenti potenti di ogni stato e setta massonica in grado di sconvolgere e condizionare il pensiero dell’intera umanità. Il loro scopo è quello di distruggere tutti i principi del pianeta terra poco alla volta. Ecco l’accaduto.

Fonte: Italiano Sveglia

Trovato morto il regista del film che denuncia il NWO

David Crowley (29 anni), regista di “Gray State” – un film che parla e denuncia il Nuovo Ordine Mondialeè stato ritrovato senza vita insieme alla moglie Komel (28 anni) e alla figlia di 5 anni all’interno della loro abitazione. A scoprire i cadaveri è stato il vicino di casa il quale, dopo essersi preoccupato di non averli visti per diverso tempo, si è affacciato alla loro finestra il 18 Gennaio scorso. I corpi dovevano esser lì da settimane, ma nessuno se ne era accorto. L’albero di natale aveva ancora le luci accese e i regali non erano ancora stati scartati. I vicini sono rimasti sconvolti, in quanto la famiglia di Crowley è sempre sembrata la famiglia modello. Mai una lite, mai una discussione. Eppure la polizia di Apple Valley sospetta un “omicidio-suicidio”.

David Crowley era un veterano della guerra in Iraq ed era noto per il suo film intitolato “Gray State”. Il film non è ancora stato rilasciato. La trama è la seguente: gli Stati Uniti si trovano ad affrontare un tremendo crollo finanziario, una dichiarazione di legge marziale, e una brutale repressione delle libertà civili. Il film si era assicurato per la sua realizzazione un budget di 30 milioni di dollari da un importante studio cinematografico di Hollywood, ma adesso è tutto fermo e la sua uscita è incerta.Ci troviamo davvero davanti a un caso di suicidio, o David e la sua famiglia sono stati suicidati?

 

Vi lasciamo con il trailer del film del regista che forse non vedremo mai.

Precedente Immigrazione: il (falso) moralismo di chi un lavoro già lo ha Successivo Valuta i (carenti) servizi dello stato: nasce Rank Italia!